“Ariosto e Cervantes” di Pedro Garcez Ghirardi

Link risorsa
Dianora Bardi

Un giudizio di Cervantes sulla pazzia di Orlando è l’occasione per un’ analisi del tema della pazzia in Ariosto, il quale ha risentito della tradizione cristiana, da Agostino a Petrarca, più di quanto si pensi. Pagine (in italiano) di Pedro Garcez Ghirardi, dell’Università di San Paolo, in Brasile.

Angelo Poliziano

Link risorsa

Approfondimento di Parodos.it su Angelo Poliziano.
Finissimo poeta e filologo, Poliziano fu il più brillante esponente della cultura umanistica fiorentina. Sostenitore di un’idea di imitazione dei classici varia ed eclettica, egli ci ha lasciato con le sue opere l’immagine di un mondo raffinato e compiuto, lontano dalle tensioni e aspirazioni quotidiane, tutto teso al raggiungimento dell’equilibrio e della perfezione.

Romanticismo

Link risorsa
Dianora Bardi

La difficoltà di trovare, per il romanticismo, una definizione che ne racchiuda insieme la complessità di sviluppo e le particolarità regionali sembra insormontabile. Il romanticismo può essere inteso in primo luogo come l’accettazione e, infine, l’esaltazione di quegli elementi caratteristici della coscienza e del comportamento umano: malinconia, irrazionalità, dubbio, eccentricità individuale, egocentrismo eccessivo, disperazione, insoddisfazione dinanzi al meccanismo ripetitivo della vita cosiddetta «normale», desiderio di riunirsi alle forze della natura fino ad esserne assorbiti.

Manifesto

Link risorsa
Dianora Bardi

Si ritiene che gli axones greci e gli alba romani (da album, bianco) costituissero nell’antichità, per la loro concezione, i mezzi di comunicazione in uso più vicini al manifesto moderno.

Rinascimento

Link risorsa
Dianora Bardi

La parola rinascimento compare già nel Vasari (Vita di Jacopo di Casentino), ma si afferma e si diffonde nella storiografia artistica italiana solo a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, quando viene scelta per tradurre o discutere il concetto francese, e poi tedesco e inglese, di renaissance.