Romanticismo

Link risorsa
Dianora Bardi

La difficoltà di trovare, per il romanticismo, una definizione che ne racchiuda insieme la complessità di sviluppo e le particolarità regionali sembra insormontabile. Il romanticismo può essere inteso in primo luogo come l’accettazione e, infine, l’esaltazione di quegli elementi caratteristici della coscienza e del comportamento umano: malinconia, irrazionalità, dubbio, eccentricità individuale, egocentrismo eccessivo, disperazione, insoddisfazione dinanzi al meccanismo ripetitivo della vita cosiddetta «normale», desiderio di riunirsi alle forze della natura fino ad esserne assorbiti.

Edvard Munch

Link risorsa
Dianora Bardi

Approfondimento di Parodos.it dedicato a Munch.

Figlio di un medico il cui studio si trovava in un quartiere operaio di Christiania (oggi Oslo), durante l’adolescenza viene profondamente segnato dalla perdita della madre e di una sorella. Nel ’79 entra nella Scuola di arti e mestieri, ma poco dopo decide di dedicarsi alla pittura e nel 1882 allestisce uno studio nel Pultosten, edificio situato nel centro di Christiania dove il pittore naturalista Christian Krohn avviava i giovani artisti sulla strada di un realismo animato da influssi impressionisti, puntualmente riscontrabili nei quadri d’esordio di Munch (Autoritratto, 1882-83: Oslo, Bymuseum; All’alba, 1883: Oslo, Munchmuseum).

Vincent van Gogh

Link risorsa
Dianora Bardi

Approfondimento di Parodos.it su Vincent Van Gogh.

Le tappe del suo percorso artistico sono intimamente collegate alla sua biografia. La corrispondenza di Vincent con i pittori van Rappard ed Emile Bernard, e soprattutto con il fratello minore Theo, ha rappresentato uno strumento d’indagine senza precedenti, tanto che la fisionomia dell’artista e il suo dramma psicologico si possono dire quasi eccessivamente documentate.

Paul Gauguin

Link risorsa
Dianora Bardi

Approfondimento su Paul Gaugin, a cura di Parodos.it

Nacque subito prima delle giornate rivoluzionarie del giugno 1848. Il padre, oscuro giornalista liberale, si recò in esilio dopo il colpo di stato del 1851 e morí a Panama, mentre la sua famiglia raggiunse Lima in Perú.

Ilia Iefimovič Repin

Link risorsa
Dianora Bardi

Approfondimento sulla vita e le opere di Repin, dal sito Parodos.it.

Figlio di una famiglia di coloni ucraini, giovanissimo si accosta al disegno frequentando il pittore di icone Bunakov della regione di Kharkov.

Pierre Auguste Renoir

Link risorsa
Risorsa segnalata da Dianora Bardi

Approfondimento a cura di Parodos.it sull’arte di Pierre Auguste Renoir.
Trasferitosi con la famiglia a Parigi, nel 1854, è apprendista nell’atelier dei fratelli Levy, decoratori di porcellane, presso i quali lavora fino al 1858 e da cui sembra aver appreso i primi rudimenti della pittura. La sua vera formazione artistica, non dissimile da quella degli altri artisti dell’epoca se non fosse per l’eccezionale congiuntura degli incontri e dei rapporti che si intrecciano, si può comunque far iniziare nel 1862 quando si iscrive ai corsi dell’Ecole des beauxarts e, contemporaneamente, entra nello studio del pittore Marc Gabriel Gleyre.

Claude Monet

Link risorsa
Dianora Bardi

Approfondimento su Monet, a cura di Pardos.it

Trasferitosi con la famiglia a Le Havre, verso il 1845, frequenta il collegio di La Meilleraye; giovanissimo, tra il 1856 e il 1858, acquisisce una discreta reputazione come caricaturista.

Paul Cézanne

Link risorsa
Dianora Bardi

Approfondimento a cura di Parodos.it su Cézanne.

Il padre, originario di Aix e del Delfinato, dapprima operaio poi cappellaio, nel 1847 divenne banchiere, assicurando al figlio un avvenire privo di preoccupazioni finanziarie. Dal 1852 al 1858 Cézanne ricevette una solida formazione umanistica al collegio Bourbon di Aix, dove divenne amico di Zola.

Edouard Manet

Link risorsa
Dianora Bardi

Approfondimento di Parodos.it su Edouard Manet,
Di origine altoborghese – il padre era un importante funzionario del Ministero della Giustizia – M segue gli studi classici presso il Collège Rollin; qui stringe amicizia con Antonin Proust, cui dobbiamo preziose indicazioni per la conoscenza dell’artista (Souvenirs).

Camille Pisarro

Link risorsa
Dianora Bardi

Approfondimento di Parodos.it su Camille Pisarro.
Nato in un’isola delle Antille, allora appartenenti alla Danimarca, studiò a Parigi dal 1842 al 1847, tornando poi a lavorare come commesso nel negozio del padre. Deciso a dedicarsi interamente al disegno, fugge in Venezuela col pittore Fritz Melbye nel 1853-54.

Concezione e fasi dell’imperialismo

Link risorsa
Dianora Bardi

Il termine “imperialismo”, verso il 1870-80, viene usato in Europa in riferimento a una conquista coloniale mondiale ed ovviamente per le classi egemoni dei paesi europei ha una valenza positiva: non a caso questo termine viene sempre accompagnato da atteggiamenti nazionalistici e razzistici, poiché ogni nazione capitalistica considera se stessa come autorizzata a imporre a tutte le altre il proprio stile di vita, la propria ideologia, la propria cultura.
Link alla risorsa